Link rapidi

immagine

Modello organizzativo 231/01 

ATM e le Società da questa guidate, nel perseguimento della gestione delle attività aziendali sulla base dei valori di efficienza, correttezza e lealtà in ogni processo del lavoro quotidiano, hanno deciso di adeguare il proprio modello di organizzazione, gestione e controllo alle prescrizioni del d.lgs. 231/01.

Tale scelta mira, in particolare, a: 

  • garantire l’integrità di ciascuna società del gruppo, rafforzando il sistema di controllo interno
  • migliorare l’efficacia e la trasparenza nella gestione delle attività aziendali ed assicurare il rispetto degli adempimenti previsti dal Decreto
  • sensibilizzare sui principi di trasparenza e correttezza tutti i soggetti che collaborano, a vario titolo, con ATM SpA e le Società del Gruppo

Il d.lgs. 231/01, infatti, ha introdotto, per la prima volta, nel nostro ordinamento nazionale, la nozione di responsabilità “amministrativa” dell’ente associativo (società e consorzi, enti forniti di personalità giuridica, associazioni) per alcuni reati commessi, o tentati, da persone fisiche che rivestono posizioni cosiddette “apicali” (rappresentanza, amministrazione o direzione dell’ente o di altra unità organizzativa o persone che ne esercitino, di fatto, la gestione ed il controllo) o da “dipendenti/collaboratori” nell’interesse o a vantaggio della società.

La responsabilità amministrativa della società è autonoma rispetto alla responsabilità penale della persona fisica che ha commesso il reato e si affianca a quest’ultima.

È prevista una forma specifica di esonero da detta responsabilità qualora risulti che l’ente abbia adottato ed efficacemente attuato modelli di organizzazione e di gestione idonei a prevenire, con ragionevole certezza, reati della specie di quello verificatosi.

Ulteriore requisito è costituito dalla istituzione di organismo interno, investito del compito di vigilare sul funzionamento e l’osservanza dei modelli nonché di curare il loro aggiornamento (Organismo di Vigilanza).

Gli elementi costitutivi del Modello sono rappresentati nei seguenti documenti:

  • Principi di riferimento del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex d.lgs. 231/01
  • Codice Etico
  • Codice di Comportamento 231 del Gruppo ATM

Le segnalazioni all’Organismo di Vigilanza del Gruppo ATM di comportamenti od eventi atti a determinare una violazione del Modello 231 o che più in generale rilevino ai fini del D.lgs 231/01, si possono inoltrare secondo le seguenti modalità: 

ATM adotta misure idonee ed efficaci affinché sia sempre garantita la riservatezza circa l’identità di chi trasmette all’Organismo di Vigilanza informazioni utili per identificare comportamenti difformi da quanto previsto dal Modello 231, fatti salvi gli obblighi di legge e la tutela dei diritti di ATM o delle persone accusate erroneamente e/o in mala fede.

È bandita da parte della Società qualsiasi forma di ritorsione, discriminazione o penalizzazione nei confronti di coloro che effettuino in buona fede segnalazioni all’OdV. ATM si riserva ogni azione contro chiunque effettui in mala fede segnalazioni non veritiere. 

 
Scarica i Principi di riferimento del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex d.lgs. 231/01, il Codice Etico e il Codice di Comportamento 231 in allegato a fine pagina.

I link seguenti verranno aperti in una nuova pagina
  • Segnala su:
  • Facebook
  • Segnalo
  • Salva su diggita.it
  • Segnala su OK Notizie
  • Segnala su Wikio
  • Salva su Delicious
  • Digg
  • Salva su Technorati
  • Google Bookmarks
  • Windows Live
  • Invia a un amicoInvia a un amico
  • StampaStampa