Link rapidi

Replica a dichiarazioni su episodio di sabato in via Procaccini 

Milano, 12 luglio 2015 - A corto di argomenti il consigliere De Corato, senza nessuna informazione sui fatti, lancia la notizia di una nuova aggressione a un conducente Atm. Una settimana fa la foto di un conducente Atm colpito da un vaso di fiori caduto da un balcone era stata divulgata come l'immagine di un controllore picchiato. Tutto ciò non è ammissibile, neanche in campagna elettorale. In particolare, l’episodio di ieri sera in via Procaccini è più complesso di quanto emerga frettolosamente. Il viaggiatore a bordo del mezzo Atm, peraltro già identificato, a differenza di altri fatti che, avvenendo in luogo diverso dai mezzi pubblici, spesso restano senza colpevoli, sostiene di essere stato aggredito dal dipendente Atm, il quale a sua volta lamenta di essersi difeso dopo esser stato colpito con la cinghia di un guinzaglio. Sarà la magistratura ad accertare la dinamica dell'episodio.

Da parte sua, Atm - nel confermare la vicinanza al proprio dipendente rimasto contuso - garantisce che comunque non avallerà comportamenti di ostacolo alla verità, di qualunque natura sia. In questo senso le immagini (sulla stragrande maggioranza dei mezzi Atm grazie ai sistemi interni è già possibile registrare quanto avviene) saranno probabilmente chiare e sono già a disposizione degli inquirenti.
In generale, sempre sul tema sicurezza, è importante rilevare che le aggressioni avvenute su tutti i mezzi Atm nell’intero anno 2014 (pari a 150) sono inferiori alle 219 aggressioni registrate nel 2010, anno in cui, per intenderci, a Palazzo Marino comandava De Corato. 

Atm, senza attendere nessuno e senza aiuti da nessuno, è impegnata nei fatti, con concretezza, senza alimentare allarmismi, nell’assicurare il più possibile la tutela ai suoi viaggiatori e alle migliaia di dipendenti, giornalmente impegnati nell’assicurare un ottimo capillare servizio con oltre 25.000 corse quotidiane.
Proprio perseguendo questo obiettivo, Atm ha raddoppiato fin da febbraio 2015 il numero degli addetti alla sicurezza, passati da 50 (numero fermo ai livelli esistenti nel 2010) a ben 100, di cui 25 nuovi assunti e 25 selezionati con una gara d’appalto fra aziende di sicurezza esterne.
Come sempre, Atm si basa sui fatti e sui numeri, non sulle parole.

Ufficio Stampa Atm
I link seguenti verranno aperti in una nuova pagina
  • Segnala su:
  • Facebook
  • Segnalo
  • Salva su diggita.it
  • Segnala su OK Notizie
  • Segnala su Wikio
  • Salva su Delicious
  • Digg
  • Salva su Technorati
  • Google Bookmarks
  • Windows Live
Immagini
Grafico Aggressioni (superficie + metropolitana)
  • Invia a un amicoInvia a un amico
  • StampaStampa